CHI SIAMO

Patologi Oltre Frontiera è un'Organizzazione Non Governativa fondata a Venezia nel 1999 con lo scopo di realizzare progetti finalizzati allo sviluppo dell'Anatomia Patologica e della diagnostica oncologica nel Sud del mondo.

Nata per iniziativa di un gruppo di anatomopatologi appartenenti al Comitato attività internazionali della SIAPEC (Società Italiana di Anatomia Patologica e Citologica Diagnostica), inizia la sua attività nello stesso anno, aderendo ad un progetto di creazione di un Servizio di Anatomia Patologica in Tanzania, proposto dall' "Associazione Cultura e solidarietà Vittorio Tisòn".

Nel 2001 Patologi Oltre Frontiera è stata ufficialmente riconosciuta come ONLUS, mentre nel 2006, in seguito al riconoscimento del Ministero degli Affari Esteri, è stata inserita nell'elenco delle Organizzazioni Non Governative Idonee.

Nel corso di un decennio di attività, Patologi Oltre Frontiera ha realizzato progetti in Africa, America Latina, Europa e Medio Oriente.

In questi anni ha, inoltre, sottoscritto accordi di partnership con diverse realtà istituzionali ed associative, sia nazionali che territoriali, italiane ed estere.

MISSION

Realizzazione di progetti finalizzati allo sviluppo

dell'Anatomia Patologica e della diagnostica oncologica in Paesi in via di sviluppo, in collaborazione con Organismi non Governativi, Società Scientifiche, Associazioni e Organizzazioni Internazionali.

Collaborazione con organismi locali

per l'introduzione di attività di screening citologici, in particolare pap-test e citologia agoaspirativa per la prevenzione oncologica.

Invio di volontari medici anatomo patologi,

biologi o tecnici di laboratorio biomedico, soci dell'Associazione, nei Paesi in via di sviluppo nei quali l'Associazione abbia avviato rapporti di solidarietà o intenda sviluppare progetti di cooperazione.

Divulgazione, formazione e informazione

attraverso le pubblicazioni scientifiche del settore, delle attività proprie dell'associazione, allo scopo di diffondere una cultura di solidarietà verso i Paesi in via di sviluppo.

Realizzazione di una rete di raccolta di attrezzature

"fuori uso", libri inerenti al settore e materiale di consumo da destinare a progetti di cooperazione in atto e curarne l'invio.

Ideazione e realizzazione di progetti

di ricerca scientifica su patologie di particolare e peculiare importanza proprie delle aree geografiche interessate da progetti di cooperazione.

Promozione,

con l'istituzione di corsi e incontri, di momenti formativi per la preparazione di medici patologi, tecnici, biologi idonei ad intervenire nell' ambito di programmi specifici.

Organizzazione di stages

residenziali in Istituti o Servizi di Anatomia Patologica italiani per medici o tecnici provenienti da strutture sanitarie di Paesi in via di sviluppo coinvolte in progetti di cooperazione.

Realizzazione di laboratori di Anatomia Patologica,

con il contributo delle ditte del settore, curandone l'aspetto organizzativo e logistico, nell' ambito di specifici progetti, in collaborazione con enti locali.

Cura dell'aspetto formativo e didattico

del personale medico e tecnico locale, nei progetti proposti e realizzati, allo scopo di renderlo pienamente operativo e autonomo sul piano professionale.

Italiano