Progetto EGITTO

                                                    Titolo e località Progetto

Allestire un laboratorio di riferimento (teaching center) anche per i due laboratori universitari, nell'Ospedale italiano Umberto I  a Cairo

Dati e recapiti del Responsabile del Progetto

 VINCENZO STRACCA PANSA (ad interim)  e-mail: v.stracca@tin.it

TIZIANO ZANIN

Enti Partners nel Progetto

Da definire

Fonti di finanziamento

da definire

Obiettivi del Progetto

La città Il Cairo ha un bacino di 20 milioni di persone e solo due laboratori di Anatomia Patologica Universitari. Ci e' stato richiesto dalla Direzione dell’ Ospedale Umberto I di attivare un laboratorio di cito-istopatologia. Tale ospedale è dotato di un patologo, il Dott. Essam Ayed, attualmente consulente; sono stati individuati due tecnici da formare.

L’obiettivo è quello di allestire un laboratorio che sia punto di riferimento (teaching center) anche per i due laboratori universitari, formare ed aggiornare il personale locale, e istallare una postazione di telepatologia.

Descrizione dei risultati ottenuti nel corso dell’anno di riferimento

 E’ stata effettuata una visita in loco per valutare la fattibilità del progetto (Dr.ssa Beatrice Gatteschi, dr. Vincenzo Stracca).

Il livello tecnico dei preparati di citologia e istologia del laboratorio di anatomia patologica dell’ Università visitato è stato giudicato molto scadente, e l’immunoistochimica è inesistente. La Direzione dell’ Ospedale Italiano ha individuato e ha assegnato gli spazi per il laboratorio. La ditta Dianoema ha donato una licenza del programma gestionale WINDOPATH, ora in uso, e un PC portatile.

I fondi finora reperiti sono stati messi a disposizione dal Comune di Genova, e saranno utilizzati per la formazione del tecnico (2 mesi, al Galliera, Genova) e di un periodo di aggiornamento del dr. Essam Ayed (2 settimane). Inoltre saranno ricondizionate a carico del budget le strumentazioni usate in via di acquisizione.

 

Italiano